Quick Browse
Movies
TV shows
Music
Games
Applications
Anime
Other
Facebook
Advertising

Friends
Torrent Download
Movie4u
1337x.to
Torrent Downloads




Genocidio - Lezione di Marcello Flores [Xvid Ita Mp3] [Tntvillage]


    Seeders : 0      Leechers : 0

Trackers List

Tracker NameLast CheckStatusSeedersLeechers




Torrent File Content (1 file)


     Genocidio - Lezione di Marcello Flores.avi -
298.81 MB



Description



Visit this info link: http://forum.tntvillage.scambioetico.org/tntforum/index.php?showtopic=111976  Visit this link:
http://img518.Imageshack.us/img518/2470/giornatamemoria288x150nx2.png

Visit this link: http://img360.Imageshack.us/img360/2992/opening3js2.png

Il gruppo SPG è lieto di presentarvi:


"GENOCIDIO"

LEZIONE DI MARCELLO FLORES


Visit this link: http://img329.Imageshack.us/img329/4282/byloriszv6.gif

- LOCANDINA -

Visit this link: http://img15.Imageshack.us/img15/5619/genloc.jpg


- SCREENSHOT -

Visit this link: http://img25.Imageshack.us/img25/6135/genoscreen.jpg


- IL GENOCIDIO IN CAMBOGIA -


Quello avvenuto in Cambogia è senz’altro uno dei genocidi meno noti in Occidente; secondo Marcello Flores, professore di Storia Comparata presso la facoltà di Lettere dell’Università di Siena, questa “ignoranza” è causata da diversi fattori: i khmer rossi furono i primi a tentare di nascondere le enormi scelleratezze da loro compiute; la disattenzione dei media verso aree del mondo considerate periferiche, dove l’Occidente non era direttamente coinvolto; il contesto della Guerra Fredda, che in quegli anni vedeva ancora opporsi Stati Uniti e URSS; il colpevole e vergognoso silenzio di una parte della sinistra internazionale, la prima a criticare la guerra statunitense nel Vietnam ma a tacere i crimini commessi dai vari regimi comunisti.

Il 17 Aprile 1975 i Khmer Rossi guidati da Pol Pot (nome assunto dal 1976; nome originario: Saloth Sar) prendono possesso della capitale, Phnom Penh, mettendo fine alla precedente “Repubblica dei Khmer” capeggiata dal generale Lon Nol (il quale, a sua volta, aveva rovesciato la monarchia di Re Sihanouk nel 1970). Prende subito piede l’ala più estremista del movimento, che intende instaurare un egualitarismo rurale attraverso lo spopolamento di tutte le città e la deportazione in “campi di rieducazione” e prigioni terrificanti dove eliminare il “nemico”. Si calcola che dal 17 Aprile 1975 al dicembre 1978 (quando avviene l’invasione da parte del Vietnam che costringe i khmer rossi alla fuga nelle montagne), siano stati sterminati circa due milioni di cambogiani che, contando che la popolazione totale si aggirava intorno ai 7,7 milioni, costituisce circa il 25% del popolo. Vittime prime del massacro furono le minoranze vietnamita, cinese e musulmana cham. Inoltre, chiunque avesse una laurea, parlasse qualche lingua straniera, o esercitasse una libera professione (medico, avvocato…quindi “borghese”) doveva essere eliminato. Il “nemico”, tuttavia, finì per essere l’intero popolo stesso: i detenuti nelle spaventose prigioni venivano torturati continuamente fino allo svenimento in modo da ottenere i nomi dei presunti traditori – ogni persona denunciava una sessantina di nomi, conoscenti, ex vicini di casa…chiunque, pur di non essere più torturato; e ciascuno di questi sessanta ne denunciava altri. Le confessioni estorte ai prigionieri erano quasi sempre invenzioni fatte per soddisfare i vertici del partito. Alle guardie (che spesso erano bambini o ragazzini indottrinati) veniva detto che il partito non sbagliava mai nell’arrestare un nemico e se il traditore era un padre, tutta la sua famiglia andava arrestata con lui.

La prigione più famigerata fu senza dubbio quella di Tuol Sleng, un ex ginnasio francese dell’epoca coloniale. Il nome che gli fu dato dai khmer rossi è “S-21”, cioè “ufficio 21”. Oggi, è stato trasformato nel Museo del Genocidio. Qui, centinaia di migliaia di persone trovarono la morte. Pochissimi sopravvissero, e tuttora portano le cicatrici fisiche e psicologiche di questa terribile esperienza. Il documentario shock “S21 – La macchina di morte dei khmer rossi” di Rithy Panh porta lo spettatore nella prigione insieme a pochi sopravvissuti, tra cui una vittima, un sorvegliante, un torturatore e l’addetto ai registri. In alcune scene, viene chiesto a queste persone di ripetere i gesti che facevano venticinque anni fa: questa, come l’ha chiamata il regista, è la “memoria del corpo”, quella più precisa, dettagliata, vera. Chi lavorava alla prigione doveva imparare una serie di gesti a memoria, sempre uguale, altrimenti il prigioniero avrebbe potuto fuggire, suicidarsi…oppure la coscienza avrebbe potuto risvegliarsi – e capire che quei gesti erano sbagliati. Ma questo era l’indottrinamento: ascolta, impara, memorizza, ripeti. All’infinito. E così la macchina funziona.

Molti degli assassini si rifiutano di credersi tali, dicono che per anni hanno soltanto eseguito degli ordini, e che se non l’avessero fatto sarebbero stati uccisi esattamente come gli altri. Come puoi accettare, in effetti, di aver ammazzato migliaia di persone, probabilmente in una giovane età? Periodicamente, alcuni prigionieri venivano portati in un’area non lontana dalla prigione: veniva loro data una forte bastonata di testa, tagliata la gola, tolti i vestiti per essere riutilizzati (ma solo se non erano macchiati di sangue); i cadaveri venivano poi gettati in fosse comuni che emanavano un odore nauseabondo di morte.
Il museo, oggi, mostra ogni cella esattamente come era stata trovata, e con la foto della persona che lì fu torturata. Ci sono fotografie degli strumenti di tortura utilizzati e di persone che ne furono uccise; la prima forma di tortura da utilizzare era quella della “pressione politica”; quando questa non funzionava, si passava alla tortura fisica, anche questa divisa in fasi. In realtà, è ben chiaro che la tortura fisica veniva usata in ogni caso, ad intensità diverse.
La crudeltà applicata al popolo cambogiano sembra essere senza senso: non fu soltanto un gruppo etnico, politico, religioso, culturale, ad essere sterminato (anche se le minoranze citate furono quelle attaccate per prime): la vittima fu l’intera popolazione. Per la maggior parte, innocente.
I khmer rossi furono dichiarati fuori legge nel 1994; tuttavia, ancora si fa attendere la realizzazione di un tribunale internazionale per portare giustizia e condannare i perpetratori degli omicidi: mancano i fondi necessari, manca stabilità politica.
L’importante, come ben sottolinea Flores, è che non si dimentichi: che anche le nuove generazioni nate fortunatamente dopo il genocidio, sappiano; che nulla venga dimenticato o insabbiato.


- MARCELLO FLORES D'ARCAIS -

Marcello Flores d'Arcais è professore di Storia Comparata presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell'Università di Siena ed è direttore del Master in Diritti Umani e Azione Umanitaria, ancora presso l'Università di Siena. Nato a Padova il 26 dicembre del 1945, si è laureato nel 1971 in Storia Moderna, presso l'Università di Roma. Dal 2001 è docente di Storia Comparata presso l'Università di Siena. Dal '96 al 2000 è stato docente di Storia Contemporanea, mentre dal '94 al '96, professore associato di Storia dell'Est Europeo, ancora presso l'Università di Siena. Dal '92 al '94 ha lavorato presso l'Ambasciata Italiana a Varsavia e nel biennio 1993-1994 ha seguito il corso di Storia e Cultura Italiana all'Università di Varsavia. Dal 1984 al 1992, è stato professore associato in Storia delle Relazioni Internazionali all'Università di Trieste, mentre dal '75 all'83 assistente alla cattedra di Storia dei Movimenti Politici ancora presso l'Università di Trieste.
Ha svolto attività di ricerca presso l'Institute for the Study of Social Change, Università della California, Berkeley (1980-1981), al Churchill College di Cambridge (1984), all'Istituto di Storia del Mondo Sovietico e dell'Europa Centrale presso l'Ecole des Hautes Etudes di Parigi (1988 - 1989), l'Istituto di Storia Universale presso l'Accademia delle Scienze di Mosca (1991), presso l'Università di Witwatersrand di Johannesburg (1997). Ha collaborato con le riviste scientifiche "Italia contemporanea", "I viaggi di Erodoto", è stato membro dell'associazione internazionale "La mémoire" grise à L'Est" presso la Bibliothèque de Documentation Internationale Contemporaine di Nanterre, ha collaborato con il Dizionario di Storiografia della Mondadori e con le riviste mensili "L'Indice" e "Il Mulino". Tra le più recenti, è promotore delle conferenze internazionali "Storia, verità, giustizia: il XX secolo e i suoi crimini” (Siena, 2000), "L'esperienza totalitaria nel ventesimo secolo"(Siena, 1997), "Identità collettiva e memoria storica” (Varsavia-Siena 1994). Lungo l'elenco della saggistica e degli articoli pubblicati.


- RAPPORTO AVINAPTIC -



[ Info sul file ]

Nome: Genocidio - Lezione di Marcello Flores.avi
Data: 28/09/2009 19:20:58
Dimensione: 313,327,616 bytes (298.813 MB)

[ Info generiche ]

Durata: 00:33:32 (2012 s)
Tipo di contenitore: AVI OpenDML
Streams totali: 2
Tipo stream n. 0: video
Tipo stream n. 1: audio
Audio streams: 1
ISFT: VirtualDubMod 1.5.10.2 (build 2540/release)
JUNK: VirtualDubMod build 2540/release

[ Dati rilevanti ]

Risoluzione: MOLTO ALTA (688 x 416)
Larghezza: multipla di 16 (BENE)
Altezza: multipla di 32 (BENE)
Qualità DRF medio: MEDIA (3.497077)
Qualità deviazione standard: ALTA (0.629850)
Media pesata dev. std.: ALTA (0.375339)

[ Traccia video ]

FourCC: xvid/XVID
Risoluzione: 688 x 416
Frame aspect ratio: 43:26 = 1.653846
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 43:26 = 1.653846
Framerate: 25 fps
Frames totali: 50300
Stream size: 262,760,113 bytes
Bitrate: 1044.771821 kbps
Qf: 0.146015
Key frames: 168 (0; 300; 600; 900; 1200; ... 50100)
Null frames: 0
Min key int: 300
Max key int: 300
Key int medio: 299.404761
Ritardo: 0 ms

[ Traccia audio ]

Audio tag: 0x2000 (AC3)
Bitrate (contenitore): 192 kbps CBR
Canali (contenitore): 2
Frequenza (contenitore): 48000 Hz
Chunks: 50115
Stream size: 48,120,576 bytes
Preload: 480 ms
Max A/V diff: 496 ms
AC-3 frames: 62657
Durata: 00:33:25 (2005.024 s)
Chunk-aligned: No
Mode: stereo
Ritardo: 0 ms

[ Info sulla codifica MPEG4 ]

User data: XviD0050
Packed bitstream: No
QPel: No
GMC: No
Interlaced: No
Aspect ratio: Square pixels
Quant type: H.263
Frames totali: 50300
Drop/delay frames: 0
Frames corrotti: 0

[ Analisi DRF ]

DRF medio: 3.497077
Deviazione standard: 0.629850
DRF max: 6

I-VOPs DRF medio: 2.785714
I-VOPs deviazione std.: 0.410325
I-VOPs DRF max: 3

P-VOPs DRF medio: 2.791152
P-VOPs deviazione std.: 0.411415
P-VOPs DRF max: 4

B-VOPs DRF medio: 3.858512
B-VOPs deviazione std.: 0.356875
B-VOPs DRF max: 6

[ Profile compliancy ]

Profilo da testare: MTK PAL 6000
Risoluzione: Ok
Framerate: Ok
Min buffer fill: 81%

Rapporto generato da AVInaptic (18-11-2007) in data 2 ott 2009, h 11:55:22




- NOTE FINALI -
Durata: 33'32"
Lingue: Italiano
Sottotitoli: Nessuno



Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

Related torrents

Torrent NameAddedSizeSeedLeechHealth
Verified torrent
1 Year+ - in Movies298.81 MB1213
Verified torrent
1 Year+ - in Movies350.62 MB348
1 Year+ - in Anime2.49 GB413
1 Year+ - in Anime2.95 GB310
1 Year+ - in Movies666 MB00

Comments (0 Comments)




Please login or create a FREE account to post comments

Latest Searches

| Equestria Girls eng | windows 832x | Behind Enemy Lines ita 2001 dvdrip | Good for Me | VICTORIA sweet stranded | american crime s01e03 story | cute asian teen fuck in different sex position cum inside | musashi 5 rings | up and running with kontakt | brazzers nikki benz station |